CASO STUDIO

500.000€ di capannoni industriali venduti investendo 3000€ in ADS

Come siamo riusciti a portare un'azienda B2B a trovare clienti grazie alla pubblicità online.

Panoramica

Le doverose premesse da fare sono due:

1. I capannoni industriali per quanto non siano capannoni in muratura (ma quelli comunemente usati in aree di carico e scarico merci) hanno comunque un margine decisamente più basso rispetto al fatturato generato

2. L’azienda sponsorizzava già i suoi prodotti online, quindi io e il mio team potevamo contare su uno storico dell’account e su offerte già testate negli anni.

Investiti in Pubblicità
0
Contratti Finalizzati
0
Fatturato Generato
0

“Google ADS non funziona più, vogliamo usare Facebook ADS”

Questa è stata la prima cosa che mi ha detto il titolare quando abbiamo iniziato. 

Consigliando cautela su un affermazione simile, inizio a spulciare i loro account di Google e di Facebook, analizzo la loro comunicazione e offerta e a chi volevano offrire i loro prodotti.

Lead completamente fuori target...

Il problema principale era che venivano spesso contattati da “cantinari” (cit. del resp. Marketing) che facevano perdere tempo ai loro commerciali per produrre preventivi corposi, che poi si dissolvevano nell’etere senza portare alcuna vendita.

 

Inoltre dopo diverse modifiche, l’account Google sembrava “buggato”, da un giorno all’altro aveva smesso di portare contatti all’azienda nonostante cifre non bassissime (circa 1500 euro mese di ADS).

 

Ci arriviamo tra poco…

La nostra strategia

Con il mio team iniziamo quindi a creare una nuova strategia ed un’offerta irresistibile in funzione dell’analisi del target.

Obiettivi:

  • Squalificare lead che facevano perdere tempo a coloro che producevano preventivi
  • Capire cosa voleva realmente il target e per cosa era disposto a spendere soldi
  • Creare una strategia a 360 gradi producesse diversi “touchpoint” nel processo d’acquisto dell’utente

Così ci troviamo a dover lavorare quanto più certosinamente possibile ed a ripartire da zero in quanto, come sempre, il budget per il marketing era “esaurito”.

La nuova offerta

Dall’analisi viene fuori che i clienti erano disposti quasi sempre a spendere di più a patto che… Non dovevano pensare a nulla.

Di conseguenza l’offerta irresistibile viene proposta quanto più scomposta possibile, facendo capire al prospect che avrebbe pensato a tutto l’azienda produttrice.

Ma soprattutto... nuove leve di vendita!

“Sei STUFO di avere un team di operai scontenti che devono servire l'area di carico e scarico al freddo e al gelo?”

“Sei stanco che il tuo processo produttivo sia costantemente bersagliato da errori e dimenticanze?”

“Ad imprenditori ed aziende che fatturano almeno 1 milione di euro all’anno”

Il ruolo chiave di Facebook

Facebook è stato utilizzato “solamente” per il retargeting.

Per questo è vero che siamo partiti da una domanda quanto più consapevole possibile, ma l’utilizzo di Facebook con video eccellenti, dove mostravamo riprese con il drone dei progetti realizzati e dettagli interni ed esterni ha fatto la vera differenza.

Tutto bene quello che finisce bene!

L’ufficio commerciale, primi business plan sfornati in meno di 48h per i clienti, e venditori d’eccellenza hanno contribuito a tutto il resto. Ed ora, come per Magia, il budget per il Marketing è tornato e possiamo triplicare la spesa in ADS.

VUOI FARE LO STESSO PER LA TUA AZIENDA?

RICHIEDI UNA CONSULENZA GRATUITA COMPILANDO QUESTO MODULO